Una cucina country in città?

Una cucina country: un sogno per tutte le appassionate di home decor, quelle che fanno del romanticismo una chiave di lettura anche della casa. Perchè, diciamocelo, una cucina country è il non plus ultra del sentimentalismo, di quello buono però, quello che ti fa battere seriamente il cuore, che ti emoziona, che non ti lascia indifferente.

I dettagli in legno e in pietra, gli elettrodomestici “anticati”, le ante pannellate e talvolta delicati colori pastello rendono la cucina country un luogo intimo, che sa di vacanza, che sa di relax, di famiglia e di…campagna. D’altra parte lo dice proprio la sua definizione, “country”, no?

Dunque ci aspettiamo di vedere quelle particolari forme e quei materiali così evocativi soltanto entrando in una casa di campagna, immersa nel verde e nella natura. Eppure a me è capitato di vedere una cucina country anche in città e la sensazione è stata tutt’altro che negativa.

Anzi: una cucina country è proprio l’elemento che potrebbe rendere speciale una casa di città. Lasciata la strada rumorosa e trafficata, con tutti i problemi che si porta dietro, si avrebbe accesso con un sol passo a un regno incantato, pacato e armonioso. La cucina country, retaggio di un certo stile tradizionale apprezzabile però anche in un contesto moderno, sarebbe il tramite tra il paesaggio urbano e quello naturale, un canale posto in una sua propria dimensione spaziotemporale, dove rimanere sospesi e dove trovare tutto il conforto necessario a smaltire una difficile giornata lavorativa.

Perchè no? In fondo nulla ci vieta di portare in casa nostra le cose che ci emozionano di più; anzi: io direi che è dovere principale di ciascuno di noi, portare nel proprio rifugio tutto ciò che ci fa stare meglio. E una cucina country in città potrebbe essere un ottimo antidoto al logorio della vita moderna, un modo catartico e terapeutico per rendere la nostra casa il nido perfetto lontano dal caos e da tutti gli estranei che alla sera vogliamo dimenticare.

Pensate di aprire la porta del vostro appartamento metropolitano e di trovare ad attendervi una cucina country come Ginestra: come potreste rimanere indifferenti? Come potreste non emozionarvi vedendo il legno di castagno naturale, i dettagli in vimini, le piastrelle finemente decorate?

Guardate poi la cucina country Dalia: muratura e legno massello, piano in ceramica o travertino, linee talvolta arrotondate e preziosi dettagli a vista. Non vi ricorda la cara, vecchia e accogliente casa della nonna? Non vi ispira fiducia al primo sguardo?

Anche Ambra è una cucina country, esempio eccelso di come la cucina di campagna possa ben sposarsi con uno stile più moderno e con un contesto più urbano. La bellezza del legno e di certe forme inconfondibili si fonde con tecnologie d’avanguardia e con materiali più moderni come l’MDF, per raggiungere impensabili vette di funzionalità e praticità, oltre che di autentica bellezza.

Camerette Clever tra rispetto per l’ambiente e design

La cameretta è sempre stato il luogo per eccellenza dove bambini e ragazzi trovano la propria intimità nel gioco, nello studio o nella lettura. Vi passano lunghissime ore, da soli o in compagnia dei fratelli e degli amici e iniziano a percepire quelle stanze come “loro”.

È quindi fondamentale dare il giusto peso all’arredo di questi ambienti, che devono essere ospitali, confortevoli e sicuri.

È per questo che Arredamenti Diotti ha da poco inaugurato lo spazio espositivo dedicato alle camerette di qualità 100 % italiana Clever, che offrono a bambini e ragazzi degli ambienti in cui crescere che rispondano a questi irrinunciabili requisiti.

Pensate per offrire tutto ciò che serve in spazi ragionevoli rappresentano delle validissime soluzioni salva-spazio senza rinunciare al design contemporaneo e all’eleganza.

Cameretta Start 120 - Clever.it

Cameretta Start 120 - Clever.it

La cameretta a terra proposta in foto è un validissimo esempio di un’organizzazione funzionale dello spazio abbinata a soluzioni estetiche di gran valore.

Soluzioni come le camerette a ponte, i letti estraibili, l’armadio a ponte e le ribalte rappresentano validissimi sistemi d’arredo che permettono di usufruire al meglio dello spazio a disposizione.

Camerette Start per bambini e ragazzi

Trattandosi di camerette che ospiteranno i più piccoli i materiali con le quali sono realizzate rispettano le più severe norme di sicurezza, Clever impiega solo materiali atossici con la più bassa emissione di formaldeide (composto chimico ritenuto tossico).

È questo a rendere le camerette della linea Start, così come tutti i prodotti Clever, camerette di qualità che permettono ai bambini di crescere in un posto realmente sicuro, senza prodotti di sintesi nocivi. Le laccature con la quale sono tinti gli arredi di questa linea sono a base d’acqua e hanno ricevuto per questo il premio Life, istituito dall’Unione Europea allo scopo di premiare quei progetti ad elevata innovazione tecnologica finalizzati alla salvaguardia ambientale.

Pareti attrezzate di design: movimento e stasi.

Il televisore è ultrapiatto, è questa la tendenza, ma tutto ciò che vi ruota intorno sembra opporsi alla bidimensionalità. Ed ecco che le pareti attrezzate di design crescono lungo la terza dimensione, la profondità, creando dei giochi di volume che regalano un’illusione di movimento, di dinamismo.
Figure geometriche regolari si combinano apparentemente senza seguire schemi precisi dando vita ad alternanze di pieni e vuoti. È nella diversità della profondità dei pensili e delle panche che si sviluppano le pareti attrezzate di design. È così che gli odierni soggiorni sfuggono alla monotonia del regolare ed abbracciano le tre dimensioni.

Pareti attrezzate su piani sfalsati

La linea di pareti attrezzate Lampo 2012 fa dei contenitori pensili delle tessere di un mosaico in 3D che possono prendere svariate tonalità cromatiche: 17 colori laccati lucidi ed opachi ed ante in vetro in 10 finiture.

Pareti attrezzate di design

contenitori pensili modulari possono essere installati a piacere lungo la parete aprendo ad infinite possibilità progettuali. Se i giochi di pieni e di vuoti danno un senso di ritmo e di movimento, l’affiancamento di pensili dà un idea di concretezza, di stabilità e di rigore.

Pareti attrezzate con basi affiancate

Le pareti attrezzate di design offrono, abbiamo visto, enormi possibilità di personalizzazione, sono altamente componibili e possono essere montate per creare effetti diversi. Questo permette ai designer d’interni di creare infinite atmosfere, a seconda dell’effetto desiderato.
Soprattutto questo permette agli ambienti, alle stanze dove questi soggiorni vengono installati di assumere svariate espressioni, di comunicare sentimenti diversi.

Neve a Roma…quanto è bello il divano di casa!

Questa mattina, guardando fuori dalla finestra, ho pensato di essere tornata sui monti della mia infanzia. Invece, in quel breve (?!?!) istante che precede la lucidità, ho capito di non essermi mai spostata da Roma. Una Roma irriconoscibile, quasi surreale, una Roma comunque bellissima, una Roma totalmente bianca. Almeno 20 cm di neve hanno ricoperto tetti, strade, terrazzi, automobili e la gente, affatto abituata a tutto questo, è impazzita letteralmente.

Pare che l’ultima nevicata simile qui a Roma sia capitata nel 1985, a distanza di quasi trent’anni dalla penultima, la famosa del ’56. Un evento più unico che raro dunque, che ha entusiasmato grandi e piccini, scesi in strada con le buste ai piedi pur di tirarsi qualche palla di neve e pur di dare vita a qualche pupazzo.

Lo scenario è di grande effetto; ma purtroppo la praticità in questi casi può creare problemi alla meraviglia. E dunque proclamo a gran voce: bellissimo, ma menomale che non devo uscire di casa. Anzi: la casa in momenti come questo diventa ancora più bella. Sedersi davanti alla finestra e guardare la neve fuori, coccolati dal calduccio del riscaldamento non ha davvero prezzo.

Come non ha prezzo rimanere sotto alle coperte del letto, oppure più “coraggiosamente” adagiati sui cuscini del divano, con un morbido plaid a scaldarci le gambe. Un divano accogliente, caloroso, morbido, dove poter guardare il silenzioso mondo fuori, ovattato dalla neve, lasciandosi meravigliare dal candido manto, ma godendo della bellezza della propria casa.

Magari su un divano bianco come la neve, oppure su un divano del colore del sole, che ci ricordi paesaggi più caldi; oppure ancora su un divano circolare, che abbracci noi e tutti i nostri cari, scaldandoci davanti a un camino o a una stufa a pellet.

Pensate al relax su un divano come Dexter, dotato di poggiatesta a ribalta e proporzioni generose per un riposo senza precedenti; la sua candida pelle…perfetta per uno scenario innevato!

E che dire del divano York, con seduta estraibile e schienale regolabile, pronto ad accoglierci senza remore, per farci dimenticare qualsiasi complicazione da neve, offrendoci un relax totale.

Un abbraccio circolare ce lo potrebbe poi regalare il divano curvo Florida, sinuoso e profondamente contemporaneo, ma anche adatto ad accoglierci con calore. Magari proprio davanti a una grande finestra affacciata sulla neve romana!