Arredamento multimediale

La tecnologia fa parte ormai in maniera radicata e costante delle nostre vite, pensate solo ai gesti quotidiani che ognuno di noi compie senza neanche rendersene conto.

Per la maggior parte di noi è oggi impensabile uscire di casa senza smartphone, I-phone, I-pod, I-pad, solo per citare alcuni degli apparecchi più diffusi e utilizzati nel vivere quotidiano.

In questa era telematica-tecnologica, sempre più avanzata e presente nelle nostre vite, di certo l’arredamento non poteva rimanere in disparte.

Dopo le case domotiche, sempre più in voga tra gli estimatori attenti ed esigenti, oggi anche il mobile “prende vita”, amplificando la sua funzione originale, meramente pratica o puramente estetica, divenendo elemento interattivo.

L’arredamento di oggi offre molteplici soluzioni!!!
Immaginate di rientrare a casa, stanchi, dopo una lunga giornata di lavoro, con l’unico desiderio di sdraiarvi sul divano, per potervi godere qualche momento di sano relax, magari ascoltando un po’ di musica o guardando le foto dell’ultimo week-end, tutto questo con un semplice gesto oggi è possibile, e quando dico con un semplice gesto, non è un eufemismo, ma è proprio così.
Non dobbiamo più impazzire a cercare il telecomando, che puntualmente sparisce quando ti serve, o cercare di capire dove abbiamo messo il cavo di collegamento della fotocamera per vedere le foto sul monitor del televisore.

OGGI TUTTO E’ PIU’ FACILE ED IMMEDIATO, FANTASTICO!!!
Entro in casa ed inserisco il mio I-Phone ( o qualunque altro dispositivo MP3 dotato di porta USB o AUX ) direttamente nello schienale del divano o nella mensola del soggiorno e come per magia posso godermi gli ultimi scatti di una bellissima giornata con in sottofondo la mia musica preferita.

Ecco il divano M-Sofa con movimento relax che coniuga comodità e funzionalità grazie all’impianto di amplificazione e diffusione stereo incorporato.

Divano M-Sofa con impianto audio integrato

A seguire le immagini  della mensola Sound Board:

LA MENSOLA SOUND BOARD E’ INSERIBILE FONDAMENTALMENTE DOVE VOGLIAMO, NON NECESSARIAMENTE IN SOGGIORNO, MA IN QUALUNQUE ZONA DELLA CASA DOVE SONO PREVISTI DEI COLLEGAMENTI AUDIO VIDEO.

E’ INIZIATA L’ERA DEL VIVERE LA CASA SEMPRE PIU’ MULTIMEDIALE.
UN SEMPLICE GESTO CONCRETIZZA I NOSTRI DESIDERI.

 

Il piccolo attico e il Feng Shui

Benvenuti al nostro nuovo appuntamento dedicato al Feng Shui!
Una stanza semi vuota e qualche ricordo di lunghi viaggi sono il punto di partenza per dare vita a una nuova storia!
Animiamo il salotto di Massimiliano e Barbara: vivono in un grazioso appartamento sito in una suggestiva zona residenziale nei pressi di Varese. La location ideale per il riposo e una vita ever green. Possiamo raccontare di un piccolo “attico”, situato all’ultimo piano e quasi totalmente circondato da una bellissima terrazza, dominante la città. Il mio compito è di arredare il loro salotto dandogli personalità ed eleganza rispettando i loro gusti, ma soprattutto i consigli che il Feng Shui mi suggerisce.
Darò un esempio di contrasti di stile, ma anche di funzionalità e comodità, come dev’essere un comodo salotto.
Pianta dell'attico Feng Shui
Una colonna portante, “contrasta” gli spazi, riducendo la possibilità di sfruttare al meglio tutti gli angoli. Ho creato una libreria per “confondere” la presenza del volume imponente, coinvolgendolo nel contesto.
La libreria angolare va a creare un piccolo vano di uso versatile.Il piccolo andito potrà essere utilizzato come angolo relax o all’occorrenza zona living per pochi intimi. La tavolozza dei colori è sintonizzata sui timbri del bianco, oro, e giallino.
La pavimentazione color mattone, spicca eccessivamente, quindi doniamo alle pareti, rispettando i punti energetici, un colore caldo che permetterà di legare i toni ed evitare disarmonia.
Nel punto energetico terra negativo è opportuno intervenire con colori e oggettistica appartenenti all’elemento metallo, quindi il bianco, l’oro o l’argento.
Ampio spazio all’associazione di stile e ai loro tratti caratteristici. Divani moderni, colori neutri, mobili d’epoca che hanno una storia da raccontare, danno un tono ricco e personale all’ambiente. Il pouf davanti al divano potrà anche essere utilizzato come tavolino.
Salotto Feng Shui
Una bella lampada si “impone” sui divani, creando luce ed energia.
Due vecchie poltroncine “riportate” a vivere, con tessuti di design, faranno da cornice al mobile che ospiterà la TV, rimarcando stile ed eleganza.
Il rapporto porta-finestra non è eccellente. Il posizionamento corretto degli arredi eviterà la dispersione repentina dell’energia, garantendo un flusso armonioso.
Una vecchia stufa a legna, che i nostri protagonisti amano molto, accentua il carattere fuoco richiesto dalla mappa energetica. Un angolo è stato “neutralizzato” con una meravigliosa pianta. Tutto in perfetta simbiosi con l’angolo out door.
Facciamo una panoramica del nostro salotto. Energeticamente sano e in armonia con i suoi abitanti, nel rispetto dei loro gusti.

Con questi suggerimenti, terminiamo la stagione estiva.
Vi ricordo che riprenderanno i corsi base Feng Shui. il 22 settembre e il 13 ottobre a Parma presso il ” Centro Studi Olistici Vivarium”.
Per iscrizioni: blu.design@alice.it

Un caro saluto e buone vacanze a tutti!

Una cucina country in città?

Una cucina country: un sogno per tutte le appassionate di home decor, quelle che fanno del romanticismo una chiave di lettura anche della casa. Perchè, diciamocelo, una cucina country è il non plus ultra del sentimentalismo, di quello buono però, quello che ti fa battere seriamente il cuore, che ti emoziona, che non ti lascia indifferente.

I dettagli in legno e in pietra, gli elettrodomestici “anticati”, le ante pannellate e talvolta delicati colori pastello rendono la cucina country un luogo intimo, che sa di vacanza, che sa di relax, di famiglia e di…campagna. D’altra parte lo dice proprio la sua definizione, “country”, no?

Dunque ci aspettiamo di vedere quelle particolari forme e quei materiali così evocativi soltanto entrando in una casa di campagna, immersa nel verde e nella natura. Eppure a me è capitato di vedere una cucina country anche in città e la sensazione è stata tutt’altro che negativa.

Anzi: una cucina country è proprio l’elemento che potrebbe rendere speciale una casa di città. Lasciata la strada rumorosa e trafficata, con tutti i problemi che si porta dietro, si avrebbe accesso con un sol passo a un regno incantato, pacato e armonioso. La cucina country, retaggio di un certo stile tradizionale apprezzabile però anche in un contesto moderno, sarebbe il tramite tra il paesaggio urbano e quello naturale, un canale posto in una sua propria dimensione spaziotemporale, dove rimanere sospesi e dove trovare tutto il conforto necessario a smaltire una difficile giornata lavorativa.

Perchè no? In fondo nulla ci vieta di portare in casa nostra le cose che ci emozionano di più; anzi: io direi che è dovere principale di ciascuno di noi, portare nel proprio rifugio tutto ciò che ci fa stare meglio. E una cucina country in città potrebbe essere un ottimo antidoto al logorio della vita moderna, un modo catartico e terapeutico per rendere la nostra casa il nido perfetto lontano dal caos e da tutti gli estranei che alla sera vogliamo dimenticare.

Pensate di aprire la porta del vostro appartamento metropolitano e di trovare ad attendervi una cucina country come Ginestra: come potreste rimanere indifferenti? Come potreste non emozionarvi vedendo il legno di castagno naturale, i dettagli in vimini, le piastrelle finemente decorate?

Guardate poi la cucina country Dalia: muratura e legno massello, piano in ceramica o travertino, linee talvolta arrotondate e preziosi dettagli a vista. Non vi ricorda la cara, vecchia e accogliente casa della nonna? Non vi ispira fiducia al primo sguardo?

Anche Ambra è una cucina country, esempio eccelso di come la cucina di campagna possa ben sposarsi con uno stile più moderno e con un contesto più urbano. La bellezza del legno e di certe forme inconfondibili si fonde con tecnologie d’avanguardia e con materiali più moderni come l’MDF, per raggiungere impensabili vette di funzionalità e praticità, oltre che di autentica bellezza.

Pareti attrezzate di design: movimento e stasi.

Il televisore è ultrapiatto, è questa la tendenza, ma tutto ciò che vi ruota intorno sembra opporsi alla bidimensionalità. Ed ecco che le pareti attrezzate di design crescono lungo la terza dimensione, la profondità, creando dei giochi di volume che regalano un’illusione di movimento, di dinamismo.
Figure geometriche regolari si combinano apparentemente senza seguire schemi precisi dando vita ad alternanze di pieni e vuoti. È nella diversità della profondità dei pensili e delle panche che si sviluppano le pareti attrezzate di design. È così che gli odierni soggiorni sfuggono alla monotonia del regolare ed abbracciano le tre dimensioni.

Pareti attrezzate su piani sfalsati

La linea di pareti attrezzate Lampo 2012 fa dei contenitori pensili delle tessere di un mosaico in 3D che possono prendere svariate tonalità cromatiche: 17 colori laccati lucidi ed opachi ed ante in vetro in 10 finiture.

Pareti attrezzate di design

contenitori pensili modulari possono essere installati a piacere lungo la parete aprendo ad infinite possibilità progettuali. Se i giochi di pieni e di vuoti danno un senso di ritmo e di movimento, l’affiancamento di pensili dà un idea di concretezza, di stabilità e di rigore.

Pareti attrezzate con basi affiancate

Le pareti attrezzate di design offrono, abbiamo visto, enormi possibilità di personalizzazione, sono altamente componibili e possono essere montate per creare effetti diversi. Questo permette ai designer d’interni di creare infinite atmosfere, a seconda dell’effetto desiderato.
Soprattutto questo permette agli ambienti, alle stanze dove questi soggiorni vengono installati di assumere svariate espressioni, di comunicare sentimenti diversi.